^Back To Top

Newsletter

LOGIN
Sign In or Register
Avatar
Not Registered Yet?

Join Now! It's FREE. Get full access and benefit from this site

Accedi

Reset My password - Remind Me My username

Username
Password
Remember me

La Comunità Monastica

La particolarità di Camaldoli consiste nell’essere ancora, dopo mille anni, un luogo di vita monastica e di ricerca di Dio che si realizza in due strutture differenti ma unite: un eremo e un cenobio (monastero).
La comunità dei monaci attraverso la preghiera, la vita fraterna e il lavoro, mantiene questi luoghi sempre viventi e accoglienti.


Camaldoli, faro di spiritualità, cultura e ospitalità da mille anni
Originario di Ravenna e monaco benedettino in Sant’Apollinare in Classe, San Romualdo aveva fondato molte comunità eremitiche, rispondendo così alle domande di assoluto degli uomini del suo tempo. Incoraggiato dal vescovo di Arezzo Teodaldo, sotto la cui giurisdizione si trovava quella località, vi eresse 5 celle e un piccolo oratorio dedicato a San Salvatore Trasfigurato che furono il primo nucleo dell’eremo. Successivamente furono aggiunte 15 celle al nucleo originario della struttura. Il monachesimo di San Romualdo, morto nel 1027, affonda le sue radici nell’antica tradizione monastica dell’oriente cristiano e in quella dell’occidente che si riconosce in San Benedetto (sec V-VI). L’antica cella di San Romualdo all’eremo, oggi inglobata nell’edificio della biblioteca, mantiene al suo interno la struttura tipica della cella eremitica: un corridoio che si snoda su tre lati, custodendo al suo interno gli spazi di vita del monaco, la stanza da letto, lo studio, la cappella. Questa struttura “a chiocciola”, oltre ad offrire riparo dalle rigide temperature invernali, simboleggia il percorso interiore del monaco che cerca di entrare in se stesso.
Camaldoli coniuga così la dimensione comunitaria e quella solitaria della vita del monaco, espresse rispettivamente nell’eremo e nel monastero che formano una sola comunità, aggiungendovi la tradizione irlandese dei monaci pellegrini o evangelizzatori itineranti, fondatori di varie comunità. Per naturale vocazione, Camaldoli ha svolto per un millennio la funzione di ponte fra le tradizioni monastiche di oriente e di occidente. Con il Concilio Vaticano II è tornato a essere luogo d’incontro privilegiato del dialogo ecumenico e interreligioso. Dialogo con l’ebraismo e con l’islam, con l’induismo e il buddismo, con uomini e donne formalmente non appartenenti a religioni specifiche, ma in sincera ricerca interiore.
La Congregazione benedettina dei camaldolesi è stata animata da generazioni di monaci che hanno dedicato la vita alla preghiera, allo studio e al lavoro, figure carismatiche come il romagnolo Ambrogio Traversari e il pugliese don Benedetto Calati. Ambrogio Traversari (1386-1439) fu priore generale e  visse da protagonista l’umanesimo fiorentino. Si distinse come traduttore dei classici greci e dei padri della Chiesa greca allora dimenticati, aprendo le porte all’umanesimo fiorentino (Brunelleschi, Ghiberti e tanti altri sui “allievi”). Partecipò attivamente al Concilio di Basilea, Ferrara e Firenze per la riunificazione della Chiesa latina con quella greca, in stretta collaborazione con San Bernardino da Siena. Nel Novecento una figura di grande spiritualità è stato don Benedetto Calati (1914-2000). Priore generale dal 1969 al 1987, don Calati non è stato solo studioso dei padri della Chiesa e docente di spiritualità per 30 anni al Sant’Anselmo di Roma, ma soprattutto una guida per tanti esponenti della cultura italiana del Novecento.
Che in questi mille anni Camaldoli sia stato un faro di spiritualità e cultura lo dimostra anche la continua attenzione dei monaci dalla cella al mondo: la cultura ha spaziato dalle accademie del ‘400 di Lorenzo il Magnifico ai convegni di studi teologici per laici dal 1934 in poi, condotti da mons. Giovan Battista Montini, poi Paolo VI. L’arte che si conserva nel monastero è un patrimonio universale, dalle 16 tele di Giorgio Vasari alle opere di Andrea della Robbia, fino alle moderne ceramiche di Angelo Biancini. Ma il monastero ha avuto un ruolo rilevante in vari ambiti, dal primo codice forestale europeo del 1278 al Codice di Camaldoli del luglio 1943, che gettò le basi alla rinascita della democrazia italiana dopo il fascismo.
[da Avvenire, 6 marzo 2013 - di Quinto Cappelli]

Prossimi appuntamenti

Lun Giu 26, 2017
Convegno organizzato da "Parola, Spirito e Vita"
Ven Giu 30, 2017
Bibbia e Arte
Dom Lug 09, 2017
Settimana Biblica
Dom Lug 16, 2017
Settimana Liturgico Pastorale
Lun Ago 07, 2017
Esercizi Spirituali Giovani
© 2015 Comunità Monastica di Camaldoli | Località Camaldoli, 14 - 52014 Camaldoli (AR)  | +39 0575 556013
Privacy Policy

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Per saperne di più sui cookie che utilizziamo e come eliminarli, vedere la nostra Per saperne di più sui cookie che utilizziamo e come eliminarli, vedere la nostra Privacy Policy.

Accetto l'utilizzo di Cookies da questo sito